Remo Chiti Futurismo alla Rocca di Staggia

La Rocca » EVENTI » Manuela Mancioppi

TEMPORARY RELATIONSHIPS 2011-2015


ABITO/ABITARE - Manuela Mancioppi


TEMPORARY RELATIONSHIPS 2011-2015 | performance relazionale collettiva
Si sviluppa attraverso l'utilizzo di abiti relazionali da indossare e condividere
tra due-tre-quattro persone, "costrette" ad abitarsi.

La versione 2015 "TEMPORARY RELATIONSHIPS SECOND SKIN" presenta abiti
in tessuto stretch e di cotone color carne fatti per La Rocca di Staggia.
Abiti installazione, abiti performativi, abiti che favoriscono l'incontro e lo scambio.


Remo Chiti Futurista a Staggia

Dal Medioevo al Futurismo le installazioni di Manuela Mancioppi esaltano il rapporto
tra ABITO-ABITARE. Nella torre quadrata, nel medioevo, gli uomini trovavano nido,
si riparavano dal freddo e dalla paura stringendosi in un abbraccio, corpo a corpo,
la loro cappa diventava calore di coperta, una seconda pelle.

architettura si fa abito

L'architettura si fa abito, l'abito si fa stanza da abitare
Il castello ha muri a camicia, cintura muraria, scarpe... l'architettura medievale
è un vestito che si adatta a chi la indossa.

Remo Chiti Futurista a Staggia

La cappa della della Madonna della Misericordia di Simone Martini, si fa cappella,
chiesa, casa rifugio per gli uomini.

ABITO/ABITARE  -  Manuela Mancioppi

Il tondo che ci unisce e ci costringe evoca dell'architettura la cinta muraria,
legame tra le pietre dove ogni pietra è uomo.

ABITO/ABITARE  -  Manuela Mancioppi

Cos'è l'amore? andare mano nella mano andando nella stessa direzione o guardarsi
negli occhi... forse provare a stare schiena contro schiena, tirare per opporre
resistenza... ognuno interpreta il legame a suo modo

ABITO/ABITARE  -  Manuela Mancioppi

ABITO/ABITARE  -  Manuela Mancioppi


ABITO/ABITARE  -  Manuela Mancioppi

Ecografia. La trasparenza come appartenenza: dentro e fuori dall'abito, simultaneità
futurista.

Il vestito antineutrale

Vestito architettura. Il vestito antineutrale, Manifesto futurista di Balla, Archivio
Fondazione Primo Conti
.
Il vestito di Balla non è solo abito ma opera da interpretare che indossata rivela
l'anima.


Pelle di rosa. Il rosa adottato da Manuela Mancioppi è in-carnato che evoca la pittura
medievale, esalta nel dormitorio, le tonalità calde del mattone, pelle del castello.



UNA TAZZA COLOR DI ROSA

Manuela Mancioppi


La tazza CUP-EZZOLO può rimanere in piedi solamente se inserita nel corrispondente
ombelico-piattino...
Incontro tra capezzolo e ombelico, pieno e vuoto, maschile e femminile, due parti
che combaciano perfettamente.


 Manuela Mancioppi
CUP-EZZOLO 2004 ceramica e plastica

Dentro la torre medievale, mastio guerriero, il dormitorio si fa femmina che accoglie.
Corpo umano e architettonico dona e accoglie. Anche il castello lascia scivolare
acqua e cibo per i viandanti, protegge dentro di sé e nutre i suoi abitanti.

CHOCO MM 2004-2005 calchi in cioccolato fondente e al latte.
Capezzolo fondente o ombelico al latte? offerti al pubblico per assaggi
e degustazioni.
Una messa in gioco non solo del rapporto tra arte e cibo e corpo e cibo,
ma il concreto ed effettivo consumo dell'arte, la sua degustazione e il suo
godimento attraverso il palato; naturalmente dietro c'è anche la provocazione
delle due parti da mangiare, che a seconda dei casi possono avere dei richiami
erotici...


Il bacio nasce dallo scambio di cibo tra la madre ed un bambino..."ti mangerei di baci"

COORP COFFEE 2007 due cup-ezzolo, due chocoMM, tovaglia e tavolo "Quando
un caffé diventa afrodisiaco, un longilineo tavolinetto - allestito con una tovaglia
- lingerie - ospita tazzine-cup-ezzolo sposate con piattini-ombelico e delizia il palato,
offrendo gli Choco MM o cioccolatini-capezzolo. La promessa è sempre la stessa:
svelare e ricordare che la pausa quando lo è davvero sa essere ostinatamente sexy!"
Matilde Puleo.

Il rosa carnacino di Manuela Mancioppi esalta la sensualità della tazzina,
corpo di donna, evoca la scelta della Marchesa di Pompadour che fece del rosa
il colore "regale" per le sue porcellane nude.



CON-TATTO

Manuela Mancioppi


CAP-OMB 2015 impossible photo
Due foto di capezzolo e ombelico prelevate dalla omonima collezione 1997-2005.


Invito al tocco con-tatto ci introduce al manifesto del tattilismo futurista
di Marinetti


 Manuela Mancioppi


DALLA COPPA ALLA COTTA

Manuela Mancioppi


Capezzolo-ombelico opera inedita di Manuela Mancioppi appositamente realizzata
per la Rocca di Staggia dove il corpo da e riceve in un gioco di reciprocità.
La "cotta" d'amore è in realtà una parte dell'abbigliamento protettivo dei cavalieri
medievali.

capezzolo-ombelico Manuela Mancioppi

www.manuelamancioppi.com